Passa ai contenuti principali

Esce venerdì 31 maggio “GRANDISSIMO”, il nuovo album di IRENE GRANDI per festeggiare 25 anni di carriera.

GRANDISSIMO” è il titolo del nuovo album di IRENE GRANDI per festeggiare 25 anni di carriera, in uscita venerdì 31 maggio.

 Una ricerca continua e senza fine. All’uscita del disco si accompagnerà un tour di presentazione che impegnerà l’artista nei prossimi mesi, anticipato dagli appuntamenti instore previsti a Firenze, Bologna, Milano, Torino e Roma. Il “Grandissimo TOUR” partirà il 22 giugno dal Parco dei Suoni di Riola Sardo (OR), una delle più suggestive location dell’isola, che è per Irene Grandi ormai quasi una seconda casa, e si concluderà con una grande festa il 12 dicembre al Teatro Verdi di Firenze, la città dove ha mosso i primi passi della sua carriera e che l’ha vista crescere come artista fino ad affermarsi nel panorama musicale italiano.

 “Grandissimo” è un progetto discografico ricco, eterogeneo e di ampio respiro, come il titolo giocosamente suggerisce, teso a soddisfare una continua necessità di esplorazione e un impellente desiderio di condividere le esperienze.

 Come un racconto musicale, il nuovo lavoro si compone di tre parti (tre capitoli) e prende le mosse dai numerosi brani inediti che illuminano il progetto, per poi volgere lo sguardo verso le canzoni più rappresentative della carriera dell’artista fiorentina, che vengono reinterpretate e riarrangiate in una chiave completamente rinnovata.

 L’album si apre con il Capitolo 0, intitolato “Inedita”, costituito interamente da nuove canzoni.

Il numero zero e il titolo evidenziano simbolicamente l’arrivo e l’inizio del percorso artistico di Irene, il compimento e, allo stesso tempo, l’origine di un cammino che contiene tutta la voglia di sperimentare e di esplorare nuove strade.

 Il Capitolo 1, dal titolo “Insieme”, raccoglie i brani arrangiati in versione unplugged e vede la collaborazione di grandi protagonisti della musica italiana, quali Loredana Berté, Stefano Bollani, Carmen Consoli, Levante, Fiorella Mannoia e Sananda Maitreya (aka Terence Trent D’Arby).

 Il Capitolo 2, denominato “A-Live”, è un’esplosione in chiave elettrica di alcuni grandi successi di Irene che sprigiona grande energia, rappresentando una delle caratteristiche della cantante da sempre più apprezzate. Irene Grandi, dopo 25 anni di carriera, è tutto questo.

Un “grandissimo” mosaico narrante composto da tasselli tutti diversi e tutti indispensabili, a formare quell’unità così piena di sfumature e di colori. Un racconto musicale che raccoglie le esperienze ed accoglie le novità.

Un cammino affrontato con consapevolezza, orientato verso orizzonti di volta in volta diversi, che esprime quell’autenticità che esiste solo quando c’è evoluzione artistica e umana.


OSPITI NEL DISCO

  • LOREDANA BERTE’, STEFANO BOLLANI, LEVANTE

  • CARMEN CONSOLI, FIORELLA MANNOIA

  • SANANDA MAITREYA (AKA TERENCE TRENT D’ARBY)
  •  
  • (COSE DA GRANDI / ARTIST FIRST)
  •  
  • TOUR DI PRESENTAZIONE 


*INSTORE*

  • 31/05 - FIRENZE Feltrinelli RED Piazza della Repubblica, ore 18

  • 03/06 - BOLOGNA Mondadori Bookstore via D’Azeglio, ore 18 

  • 04/06 - MILANO Mondadori Megastore Duomo, ore 18 

  • 05/06 - TORINO Feltrinelli Stazione Porta Nuova, ore 18 

  • 06/06 - ROMA Feltrinelli Appia Nuova, ore 18



“Grandissimo” è stato anticipato dal singolo “I passi dell’amore”.

Link al videoclip “I passi dell’amore”:

Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…