Passa ai contenuti principali

Casa Sanremo Tour, cresce l’attesa per l’arrivo del Maestro Beppe Vessicchio nella Città dei Fiori


La sua lunga storia professionale e le sue molteplici direzioni d’orchestra al Festival di Sanremo fanno del Maestro Beppe Vessicchio uno dei personaggi più rappresentativi e amati della più importante kermesse musicale italiana. Sebbene come da lui stesso annunciato, non salirà sul palco del Teatro Ariston, il Maestro di origini napoletane nei prossimi giorni, per la gioia dei suoi tantissimi estimatori, sbarcherà a Sanremo. 

Vessicchio, infatti, prenderà parte alla seconda delle tre giornate delle semifinali di Casa Sanremo Tour, che si terranno nella cittadina ligure dal 25 al 27 gennaio all’interno del Palafiori.


A Casa Sanremo Tour, sabato 26 gennaio alle ore 12, il rinomato Maestro terrà una masterclass destinata ai 100 talentuosi partecipanti, reduci da numerose selezioni avvenute in varie tappe, in giro per l'Italia. 

Oltre all’attesissimo incontro con Vessicchio, in questa tre giorni dedicata alle semifinali, ci saranno anche altri interessanti appuntamenti in programma: si parte nel week-end con il Maestro Stefano Senardi, poi sarà il turno di Dario Cantelmo, General Manager di Italy Digital Music, del Maestro Vincenzo Sorrentino e, poi, ancora, i ragazzi ascolteranno i preziosi consigli di Massimo Cotto, Mauro Marino e altri autorevoli addetti ai lavori. 

Domenica 27 gennaio, invece, sarà interamente dedicata alla fase decisiva delle semifinali di Casa Sanremo Tour: dopo un’intera giornata di esibizioni, i più meritevoli guadagneranno l'accesso alle Finali, che si disputeranno nella settimana del Festival della Canzone Italiana sul Palco di Casa Sanremo, al Palafiori. 

In quest'ultima prestigiosa occasione, conosceremo i vincitori di questo Tour che, nella sua prima edizione, ha raccolto oltre 1000 adesioni in tutta Italia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…