Passa ai contenuti principali

Sanremo giovani 2018 con Pippo Baudo e Rovazzi


Ventiquattro giovani in gara, due posti prestigiosi accanto ai big del Festival della Canzone Italiana. Arriva “Sanremo Giovani”: un grande evento musicale in quattro puntate pomeridiane e due appuntamenti in prima serata per decretare chi tra i nuovi talenti della musica italiana conquisterà il pass per il palco di Sanremo.

Poche centinaia di metri separano il Teatro del Casinò – ‘casa’ di Sanremo Giovani – dal Teatro Ariston, ambita sede del Festival. La corsa inizia il 17 dicembre: per conoscere meglio i giovani artisti in gara, Rai1 proporrà un talk show musicale di quattro puntate pomeridiane, in onda da lunedì 17 a giovedì 20 dicembre, dalle ore 17:50 alle 18:40, dal titolo “Ecco Sanremo Giovani”.

Sarà Luca Barbarossa a fare le “presentazioni ufficiali” dei concorrenti - sei per ogni puntata - vestendo i panni del moderatore, dell’intervistatore, del “sollecitatore” di temi su cui dibattere liberamente, dalla musica alle canzoni, dai sogni alle aspirazioni, dalle difficoltà ai successi.

 Dibattito, ma anche e soprattutto musica: con live-band a supporto e con il pubblico in studio, i giovani interpreteranno il brano che presenteranno nelle due prime serate di “Sanremo Giovani”, ma anche cover. E duetteranno con Barbarossa e con gli altri ospiti musicali di “Ecco Sanremo Giovani”. Fuori programma, le incursioni del comico-musicista Andrea Perroni, pronto ad intervenire con il suo tono ironico e irriverente.

La sfida vera e propria sarà giovedì 20 e venerdì 21 dicembre in prima serata con “Sanremo Giovani”, condotto da un duo d’eccezione: Pippo Baudo e Fabio Rovazzi, che dal Teatro del Casinò di Sanremo, per la regia di Duccio Forzano, rimescoleranno tradizione e modernità, ironia e creatività, e condurranno il pubblico alla scoperta della nuova scena musicale italiana e delle aspirazioni dei suoi giovani protagonisti.

Regole semplici per un grande spettacolo: ventiquattro esibizioni in diretta e dal vivo (con una live band), ventiquattro brani originali, per conquistare due posti nell’unica categoria (insieme ai big) prevista in questa nuova edizione del Festival della Canzone italiana.



 In ciascuna delle due serate - attraverso il voto della commissione musicale guidata da Claudio Baglioni, della giuria degli esperti presieduta da Luca Barbarossa e del televoto da casa - sarà selezionato un giovane artista. Una platea composta dai principali critici musicali italiani assegnerà, a un artista per serata, il Premio della critica.

Nel corso delle serate anche uno dei momenti più attesi per il pubblico di Sanremo. Saranno infatti comunicati i ventidue nomi (undici per ciascuna sera) dei Big della 69ma edizione. 

Giuria televisiva e giornalisti commenteranno in diretta il cast musicale selezionato da Claudio Baglioni e dalla Commissione Musicale e il pubblico televisivo potrà anche assistere alle reazioni social degli artisti prescelti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…