Passa ai contenuti principali

Queen, Bohemian Rhapsody


I Queen sono un gruppo musicale britannico, formatosi a Londra nel 1970, dall'incontro del cantante e pianista Freddie Mercury, il chitarrista Brian May e il batterista Roger Taylor; poi nel '71 si aggiunse il bassista John Deacon.

La band è considerata una delle più importanti della scena musicale internazionale.
Tra le loro canzoni più conosciute ci sono We Are the Champions e Don't Stop Me Now, scritte da Mercury;  We Will Rock You e Who Wants to Live Forever di May; Radio Ga Ga composta dal batterista e  Another One Bites the Dust e I Want to Break Free di Deacon.

Ma la canzone che ha fatto davvero la storia del gruppo è senza ombra di dubbio Bohemian Rhapsody, che, sia da critici che da sondaggi popolari, è stata votata come una delle canzoni migliori di sempre.

Ecco, in questo articolo vorrei concentrarmi proprio su questa canzone. Su come è stata creata questa pietra miliare della musica, sul videoclip innovativo e sul riscontro che ha dato il pubblico per questo pezzo così fuori dal comune per l'epoca.

Bohemian Rhapsody è stata pubblicata come singolo nel 1975, come primo estratto dell'album A Night at the Opera.
Freddie Mercury scrisse la maggior parte della canzone nei primi mesi del '75 e, dopo aver fatto sentire la parte introduttiva di pianoforte al produttore, gli chiese se avesse potuto pubblicare un brano dalla struttura diversa dal solito.
Il chitarrista Brian May ha affermato che il gruppo accettò di buon grado la proposta di Mercury, ritenendola molto originale.

Le registrazioni cominciarono nell'Agosto del '75 presso il Rockfield Studio 1, in Galles; dopo previe tre settimane di prova nell'Herefordshire.
Le sessioni richiesero sei settimane di lavoro, poiché venne curato ogni minimo dettaglio, non per niente A Night at the Opera risultò uno degli album in studio più costosi nella storia della musica.
In alcune parti le voci dei membri della band vennero sovraregistrate diverse volte, sembra che alla fine sia risultato un totale di 180 parti vocali.
Pare infatti che gli studi di registrazione di allora non fossero attrezzati con supporti che potessero contenere così tante voci, quindi si dovette sperimentare un nuovo supporto, nel quale si dovettero tagliare e incollare manualmente più sezioni di nastri.



Il brano è molto famoso anche per la sua struttura fuori dal comune, divisa in cinque parti principali: un'introduzione corale cantata a cappella, un segmento in stile ballata che termina con un assolo di chitarra, un passaggio d'opera, una sezione di hard rock e un altro segmento in stile ballata che conclude su una sezione solo piano e chitarra.

Il videoclip di Bohemian Rhapsody fu uno dei primi video a scopo promozionale della storia.
Da allora è diventata prassi normale far uscire un video in seguito ad un singolo per promuoverlo.

Il video si apre con i quattro componenti dei Queen nel buio che cantano la intro del brano, le luci sono puntate verso i volti dei membri. Tale composizione richiama la foto di copertina del loro secondo album Queen II. Il video poi sfuma riprendendo i membri della band che suonano. Nella sezione operistica del video, la scena ritorna al Queen II; poi nella seconda strofa vengono ripresi di nuovo sul palco.
Negli ultimi secondi del video Roger Taylor è rappresentato a torso nudo mentre colpisce un gong, riprendendo il marchio della Rank Organisation, azienda che produce e distribuisce molte delle produzioni cinematografiche britanniche.
Tutti gli effetti speciali non sono stati realizzati in fase di montaggio, ma durante la registrazione stessa del video.

Il brano ebbe molte difficoltà ad essere pubblicato come singolo, data la sua anomala durata, per essere un brano rock, di circa 6 minuti.
La svolta si ebbe quando un DJ amico di Mercury riuscì a farsi dare una copia del brano, sotto la promessa di non trasmetterlo via radio. In realtà Mercury sapeva bene che il DJ non l'avrebbe mantenuta e cercando proprio di fare pubblicità al brano glielo diede. Come Mercury aveva previsto, il brano iniziò ad essere trasmesso di continuo, arrivando anche a toccare le quattordici volte in due giorni.

Il successo fu tale che l'etichetta discografica fu praticamente costretta a pubblicare il singolo che venne certificato disco di platino e rimase al primo posto della classifica britannica per nove settimane.


Qui di seguito: Bohemian Rhapsody, eseguita al Live Aid a Londra 




Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…