Passa ai contenuti principali

Perché ascoltare musica classica?



Ci sono tanti generi di musica: pop, rock, metal, progressive, punk, funk, jazz, reggae, per tutti i gusti insomma.
 Quando però si va a toccare la musica classica, ci si ritrova davanti un muro.
 È un genere troppo complesso, i “brani” durano troppo, oppure è roba troppo vecchia, insomma non interessa.

Ascoltare musica, da sempre, porta benefici al nostro corpo ed alla nostra mente.
Secondo alcuni studi scientifici, la musica classica in particolare, regala numerosi vantaggi alla salute: dalla stimolazione della mente ad un sonno migliore, dalla riduzione dello stress ad un rafforzamento del sistema immunitario.
E' un genere di musica molto complesso e non è di semplice apprendimento. Necessita di tempo e molta pazienza prima di poter essere compresa pienamente, ma educando pian piano l’orecchio all’ascolto, non sarà difficile apprezzarla, anzi in alcuni momenti sarà addirittura impossibile farne a meno.

Quindi, perché ascoltare musica classica?

1) Permette al cervello di lavorare correttamente
In Inghilterra sono state fatte delle ricerche su alcuni studenti che facevano un test mentre ascoltavano Vivaldi . Il risultato?
L’attività cerebrale degli studenti è stata ottima durante l’ascolto della musica, permettendo ai ragazzi di ricevere molti stimoli e buoni risultati.


2) Riduce lo stress
Lo affermano recenti ricerche: l'ascolto di questa musica ha un benefico effetto terapeutico sul cuore e tutto il sistema cardiocircolatorio riducendo lo stress.


3) Favorisce il buonumore
Ascoltare musica, qualunque essa sia, rende l’umore migliore.
Quella classica, oltre a permettere al nostro buonumore di uscire allo scoperto, fa sì che chi ascolta la musica veda tutto in maniera più positiva.
Inoltre influisce sull'ormone dello stress e sulla produzione di endorfine


4) Permette di dormire meglio
 Molti sono gli studi relativi al rapporto tra l’ascolto di musica ed il sonno.
Secondo uno studio su un campione di persone, è risultato che queste ultime hanno un sonno migliore quando ascoltano questo genere di musica. Il motivo?
La musica ha un potere rilassante sul corpo e sulla mente e ciò permette di abbandonarsi ad un sonno sereno.
Un consiglio? Prima di addormentarvi provate ad ascoltare Chopin, Bach, Beethoven o Mozart.


5) Permette di esprimere meglio le proprie emozioni
La musica è il mezzo attraverso il quale si possono esprimere le proprie emozioni che siano positive o negative, che si tratti di rabbia o di gioia, di amore o di odio.
Durante un esperimento, gli studiosi dell’Università di Dallas hanno dimostrato che ascoltare musica classica rende gli studenti più espansivi relativamente a ciò che provano.



Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…