Passa ai contenuti principali

Musiche natalizie nel mondo



Il natale è alle porte!
Perché non ascoltare musiche natalizie?
 Le vacanze non sono solo l’occasione perfetta per passare del tempo con i propri cari e ingrassare mangiando dolcetti, ma sono anche il momento ideale per cantare con il cuore. Perché non rendere questa stagione di feste un po’ più speciale, creando un’atmosfera natalizia grazie a melodie che vengono da tutto il mondo?


Usi, costumi e tradizioni costituiscono una grande opportunità per conoscere meglio i diversi tipi di musiche natalizie nel mondo.


AMERICA: FELIZ NAVIDAD
Iniziamo il nostro viaggio con Feliz Navidad, composta dal cantautore portoricano José Feliciano. Questa canzone è un classico in Nord-America e in molti Paesi ispanofoni.



Secondo la Sociedad Americana de Compositores, Autores y Editores, la canzone occupa il 15º posto tra le canzoni natalizie più popolari al mondo.
La canzone è un augurio di un “Felice Natale” e di un “Felice Anno Nuovo”, espresso dalle formule spagnole ¡Feliz Navidad! e ¡Próspero Año y Felicidad!.
La melodia è allegra e spagnoleggiante.


USA: WHITE CHRISTMAS
Proseguiamo con White Christmas, una delle canzoni più recenti, scritta nel 1942 da Irving Berlin, ma un numero infinito di star ne ha proposto una cover, da Elvis a Iggy Pop e Lady Gaga, ed è stata tradotta in una miriade di lingue.


La canzone, cantata da Bing Crosby, è il singolo più venduto al mondo.


GRAN BRETAGNA: DECK THE HALLS
La melodia si rifà ad una canzone gallese di buon auspicio per l’Anno Nuovo risalente al XVI secolo, mentre le parole furono aggiunte nell’‘800. La sua età la rende un classico: sino ai giorni nostri, è una delle canzoni natalizie più popolari del mondo anglofono.


Qui sopra la versione di Nat King Cole, contenuta nell'album "The magic of Christmas" risalente al 1960.

ITALIA: TU SCENDI DALLE STELLE
Tu scendi dalle stelle è stata scritta all’inizio del ‘700 e descrive l’arrivo del Bambin Gesù, dal cielo stellato nel gelo invernale della Terra. Durante il periodo natalizio in Italia, non si può fare a meno di questa canzone, che è spesso intonata da cori di bambini: ed è subito festa.




Il motivo, scritto in 6/8, è uno tra i più famosi canti natalizi italiani.

NIGERIA: BETELEHEMU
Questa canzone natalizia nigeriana che parla della nascita di Cristo è in Yoruba, una lingua dell’Africa Occidentale. 


Le origini della canzone non sono molto chiare, ma possiamo ringraziare il Glee Club di Morehouse College di Atlanta, in Georgia, per aver portato Betelehemu per la prima volta sul palcoscenico negli anni ’60 e averla resa un pezzo fondamentale nel repertorio dei cori di tutto il mondo.


INGHILTERRA: I SAW THREE SHIPS
Un canto tradizionale originario dell’Inghilterra, conosciuto anche come On Christmas Day In The Morning è un tradizionale canto natalizio, il cui testo è databile tra il XVI e il XVII secolo. 


La canzone narra di racconta di tre navi che proprio nel giorno di Natale si dirigono verso Betlemme (anche se la città non ha sbocchi sul mare).


NORVEGIA: MUSEVISA
Musevisa (Canzone del topolino) racconta la storia di una famiglia di topini che festeggiano le vacanze natalizie. Una bella canzoncina, se non fosse che le povere creature debbono tentare di sopravvivere tra trappole per topi.


Ecco una celebre versione di Alf Prøysen.




Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…