Passa ai contenuti principali

Musica Trap: un nuovo genere musicale


Uno dei generi musicali preferiti dai giovani in questo periodo è la musica trap, ma musicalmente che cos'è? Quali sono le caratteristiche?

Una delle "particolarità" di questo genere derivante dal rap e dall'hip-hop è quella di trattare temi molto crudi, i testi trap parlano principalmente di disagio sociale, periferie molto povere, spaccio e violenza.

Infatti il termine "trap" deriva da trap house, che vuol dire appartamenti abbandonati, inoltre la parola "trapping", in slang inglese, vuol dire spacciare

In Italia la trap fa la sua prima comparsa nel 2011, ancora sotto il nome di "alternative rap", con una canzone del rapper Gue Pequeno; ma la vera svolta la fanno Sfera Ebbasta e il suo producer Charlie Charles nel 2015 con l'album "XDVR", e anche la Dark Polo Gang, nello stesso anno con "crack musica".

Il successo del genere, in Italia, è dovuto molto anche ai producer: quali Charli Charles, già citato in precedenza, e Sick Luke, produttore della DPG (Dark Polo Gang).

Dal 2016 in poi il genere diventa sempre più popolare, e cominciano ad affermarsi altri trapper come Ghali, Rkomi, Ernia, Izi, Tedua, Vegas Jones e Capo Plaza.

Ma, in realtà, la trap ha origini anche antecedenti, infatti già dagli anni '90, nel sud del Stati Uniti, si potevano individuare i primissimi trapper, seppur non famosi o affermati a livello di massa.

Nel primo decennio del 2000 la Trap inizia a diventare un sottogenere vero e proprio del rap con artisti come T.I., Young Jeezy, Gucci Mane e producer come Shawty Redd; comunque, è stato l'album "trap muzik" di T.I., uscito nel 2003 che per primo ha coniato il termine "trap" come descrizione ci un genere musicale.

Dopo il 2010 la musica trap si impone definitivamente a livello mainstream (cioè di ascolto di massa e non più di nicchia) grazie alle produzioni di Lex Luger, che firma delle hit per artisti come Rick Ross, Kanye West e Jay-Z e Waka Flocka Flame.

Da questo momento in avanti inizia a farsi strada una nuova generazione di artisti e produttori che danno vita alla trap moderna: rapper come Future, Young Thug e i producer come Metro Boomin  iniziano a dominare il, cosiddetto, rap game.

Anche artisti pop come Beyoncé, Katy Perry, Miley Cyrus, Lady Gaga e Lana Del Rey dal 2012 in poi cominciano a realizzare brani influenzati da questo tipo di sonorità e a collaborare con producer e rapper a esse legati.

Negli ultimi anni sale alla ribalta del mainstream anche una nuova generazione di artisti trap tra cui Migos, Lil Uzi Vert, Lil Yachty, 21 Savage e Post Malone.

La particolarità principale di questi rapper è il così detto "mumbling", ovvero il farfugliare i testi delle loro canzoni non rendendo chiaro ciò che dicono ad un primo ascolto a causa di mancanza di chiarezza nella loro pronuncia. Questo stile è influenzato principalmente dall'accento e dallo slang del Sud degli Stati Uniti.

Dal punto di vista prettamente musicale, nelle basi trap si preferisce utilizzare suoni elettronici, ottenuti con batterie riprese dalla drum machine Roland TR-808, suoni bassi molto potenti, melodie molto semplici, ripetitive e che rimangono in testa, hi hats terzinati con rapidi cambi di ritmo, utilizzo di Synths; in più vengono utilizzati ottoni, bells, campane e suoni orchestrali.

Ma la trap, ormai, non è solo un genere musicale che piace ascoltare, negli ultimi due anni è diventato un vero e proprio stile di vita, quante volte si sente dire di qualcuno, magari con un tono anche velatamente provocatorio, che "si atteggia da trapper"? Ma che cosa vuol dire?

Lo stile di vita dei trapper è quello che si suol dire dissoluto, mi spiego: i trapper solitamente si vestono molto firmati, fanno largo uso di sostanze stupefacenti, che sono abbastanza costose e si svagano andando in night club o luoghi similari.

Con l'appellativo di "trapper", utilizzato per persone "normali", solitamente si indica soprattutto lo stile nel vestire, che vuole emulare quello molto costoso degli artisti di questo genere.



Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Il futuro e' delle Web Radio. Nissan sta pensando di portare lo streming in auto.

Londra - Probabilmente l'ascolto in Fm delle radio sara' un ricordo, Il futoro e'  delleWeb Radio.
Via i ripetitori e le antenne. In UK l'evoluzione e' gia' in atto, infatti 98.2% delle radio in UK sono tuttem, DAB e in web.

 In italia il processo e' piu' lento ma forse per il 2030/40 anche in Italia si potranno sentire le radio in macchima via web come gia' sta accandendo in USA e in UK.

In UK già al 16% l’ascolto in streaming sulle quattro ruote.

 Secondo uno studio fatto da Eureka  la casa automobilistica Nissan, in UK sta installando la connettività in auto per  l'ascolto di  musica e di radio sulle quattro ruote, quindi  il futuro delle radio sono le Web Radio.
Ponz Pandikuthira, vice presidente della pianificazione del prodotto per Nissan Europe, ha dichiarato: "La connettività in auto è una delle principali tecnologie di trasformazione dell'industria automobilistica e un pilastro della visione di Nissan Intelligent Mobility per il…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…