lunedì 3 dicembre 2018

Musica Ambient: le origini


Ormai si sente spesso parlare di questa fantomatica musica ambient, ma che cos'è? Da dove nasce? E perché?
Iniziamo col chiarire brevemente di che cosa stiamo parlando: la ambient è un genere musicale in cui il tono e l'atmosfera assumono più importanza dei valori di ritmo e struttura così come vengono tradizionalmente concepiti in ambito musicale, è un genere musicale principalmente caratterizzato da suoni atmosferici e naturali.
Questo genere, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, ha un'origine classica, infatti uno dei precursori della ambient fu Erik Satie che, all'inizio del XX secolo ne elaborò una forma primordiale.
Le prime forme e teorie dei "paesaggi sonori" nacquero dai lavori di artisti come John CageKarlheinz StockhausenPierre Schaeffer che, con i loro esperimenti sonori di vario genere, misero ulteriori basi per quella che, nel futuro, sarebbe poi diventata musica ambient.
Ma il più importate teorico e musicista in questo campo è Brian Eno, ricordato soprattutto per aver coniato il termine "ambient music".
Si racconta che, nel 1974, Eno rimase coinvolto in un incidente stradale,che lo costrinse per un lungo periodo a rimanere a casa. In questo lasso di tempo, Judy Nylon gli portò in dono un cd. Rimasto solo, Eno iniziò ad ascoltarlo, per poi accorgersi che il volume era troppo basso e che un canale non funzionava. Essendo troppo debole per sistemare il problema, Brian Eno rimase a letto, per poi rendersi conto di star sperimentando un tipo di ascolto nuovo, inusuale per lui.
Parlando della ambient lui dice: "Può essere ascoltata attivamente con attenzione come può essere facilmente ignorata, a seconda della scelta dell'ascoltatore."
Eno utilizza il termine "ambient" per descrivere una musica che crea un'atmosfera e che cambia lo stato d'animo dell'ascoltatore in uno diverso, la parola "ambient", infatti, deriva dal latino "ambire", che significa "circondare".

Nessun commento:

Posta un commento