Passa ai contenuti principali

John Mayer, alla ricerca della luce


John Mayer, nato a Bridgeport nel 1977 è un cantautore e chitarrista statunitense.
Inizia a suonare la chitarra all'età di tredici anni, dopo aver ricevuto in regalo una musicassetta di Stevie Ray Vaughan si appassiona molto al genere blues.

A diciannove anni decide di trasferirsi ad Atlanta per dare inizio alla sua carriera da musicista.

Nel '99  esce per un'etichetta discografica indipendente, con il suo primo EP da solista: Inside Wants Out. Il lavoro si rivela un successo per la critica, ma non raggiunge un grande consenso dal punto di vista commerciale.

Nel 2001 esce il suo album di debutto: Room for Squares, pubblicato da Aware Records, con cui aveva firmato un contratto nel 2000, e anche da Columbia Records.
Il disco debutta nella top 10 della classifica americana, grazie al successo del singolo Your Body Is a Wonderland; l'album riesce a vendere più di 5 milioni di copie in tutto il mondo (ottenendo così la certificazione di 4 volte disco di platino).
L'album viene così apprezzato dalla critica che Mayer nel 2003 vince anche un Grammy.

Nel 2003 esce il suo secondo album Heavier Things, il disco denota influenze musicali di vario genere, ma segna in particolar modo la carriera dell'artista, data la volontà, più che nei suoi precedenti lavori, di dimostrare il suo talento come scrittore e arrangiatore.
L'album debutta in prima posizione nella classifica americana e ottiene un doppio disco di platino negli Stati Uniti.
Uno dei singoli estratti dall'album è Daughters che nel 2005 vince un Grammy come song of the year, una delle 4 categorie più importanti del Grammy.

Nel 2006 esce il terzo album del chitarrista, intitolato Continuum, caratterizzato da sfumature stilistiche diverse da quelle dei due precedenti dischi, che segnano un passaggio dal rock al blues rock e al soul.
In Continuum appaiono brani di denuncia sociale e politica, come Belief o Waiting on the World to Change.
L'album si rivela un successo sia per la critica che per il pubblico, ottenendo altri dischi di platino e altri premi, tra cui un altro Grammy nel 2007.

Nel 2008 John Mayer pubblica Where the Light Is: Live in Los Angeles, un album live registrato durante la sua tournée del 2007, il disco riceve il Grammy come miglior album dal vivo e come miglior film musicale.
Il concerto viene ripreso durante il live al Los Angeles Nokia Theatre, data organizzata con la finalità di raccogliere fondi per diverse enti benefiche della zona.
Il concerto è diviso in tre set, uno acustico, uno con il Jhon Mayer trio, e un set con la band al completo.

Nel mese di Ottobre 2011 sarebbe dovuto uscire un suo nuovo lavoro: Born and Raised, l'uscita fu però rinviata a causa di un problema di salute dell'artista. Il motivo è un glaucoma accanto alle corde vocali, che sembrerebbe curabile.
La nuova data fissata fu il 22 Maggio 2012; ma nel Marzo dello stesso anno Mayer annuncia un nuovo problema sempre legato al glaucoma precedentemente curato, che lo costringerà ad una pausa di lunghezza indefinita, tuttavia l'uscita dell'album non viene ulteriormente posticipata.

Nel 2013 sui social network escono dei video rappresentanti l'artista intento a lavorare sul suo nuovo album, da ciò viene dato inizio ad una "miniserie" dal titolo #mayerisback.

Il 20 Gennaio 2017 pubblica l'EP The Search for Everything: Wave One, che viene poi seguito a Febbario da The Search for Everything: Wave Two, altro EP che andrà a completare l'album, che uscirà poi ad Aprile.

Nel Maggio 2018 esce il singolo New Light fatto in collaborazione con il produttore hip hop No I.D.


Qui di seguito: Waiting on the World to Change, Live in Los Angeles.


Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…