Passa ai contenuti principali

Giovani producer: Metro Boomin


Metro Boomin è un producer, beatmaker e disc jockey statunitense, nato a St. Louis nel 1992.

Negli ultimi anni si è affermato come uno dei più importanti produttori nella scena trap americana.

Comincia ad approcciarsi alla produzione musicale all'età di 13 anni, quando sua madre gli regala un laptop sul quale installa Fruity Loops (odierno FL studio), uno dei programmi più utilizzati per la produzione di musica.

Inizialmente avrebbe voluto fare il rapper, ma, non potendosi permettere di acquistare basi inedite, decide di produrle da se, finendo poi per concentrarsi solo su quelle.

Tra le sue influenze musicali ci sono rapper come Young Jeezy e Gucci Mane e artisti come Michael Jackson e i Green Day, in più, si ispira molto anche alle colonne sonore.

In prima superiore crea un profilo Twitter, e inizia a contattare rapper e discografici per ottenere feedback e collaborazioni; poi, nel 2009, viene contattato dal rapper OJ da Juiceman e inizia a passare i weekend ad Atlanta, in un vero e proprio studio di registrazione.

Nel giro di poco tempo entra nel giro dei rapper importanti, ottenendo collaborazioni con Young Jeezy e Future. Inizia anche a lavorare nello studio di Sonny Digital, produttore discografico che gli fa da mentore.

Nel 2012 frequenta la facoltà di business management per un semestre, ma abbandona per dedicarsi unicamente alla carriera musicale.
Nel 2013 infatti il pezzo da lui prodotto Karate Chop, di Future, diventa una hit.

Negli anni a seguire Metro Boomin si afferma come uno dei produttori di maggior successo nella scena rap e trap internazionale.

Nel 2013 pubblica il suo primo album da solista 19 & Boomin, nel mixtape sono presenti collaborazioni con il giovane rapper Young Thug, i due da allora collaborano moltissimo facendo uscire anche pezzi sotto lo pseudonimo di Metro Thuggin.

Tra il 2014 e il 2015 lavora come produttore esecutivo per Future e per l'album What a Time To Be Alive di Drake e Future.
In più, sempre in questi anni firma beat per molti artisti quali Travis Scott, Young Thug, Pusha T, Migos e Nicki Minaj.

Nel 2016 produce l'album Purple Reign di Future, e viene premiato come produttore hip hop dell'anno dall'emittente BET. Nello stesso anno produce anche l'ep Savage Mode di 21 Savage, che raggiunge il disco d'oro. Realizza anche degli strumentali per Lil Uzi Vert, Drake e The Weekend; e anche la hit Bad & Boujee dei Migos, che raggiunge il primo posto sulla classifica di Billboard.

Nel settembre sempre del 2016 gli viene dedicata, dal sito musicale Noisey, una puntata della rubrica "New Legends", un mini documentario sugli artisti più giovani e influenti del panorama musicale.

Nel 2017 produce per Gucci Mane, l'artista canadese NAV.
Inoltre collabora ad un pezzo con Lana Del Rey.
Il 24 giugno pubblica il suo singolo No Complaints con Drake e Offset, lanciando ufficialmente la sua etichetta Boominati Worldwide, partner di Universal.
Verso la fine dell'anno pubblica lavori collaborativi con 21 Savage e Offset, e con Big Sean.

Nell'aprile del 2018 annuncia il proprio ritiro dalla scena musicale, ma comunque compare nei dischi di Nicki Minaj e Lil Wayne. In più il 2 novembre esce il suo secondo album da solista Not All Heroes Wear Capes, che presenta collaborazioni con Travis Scott, 21 Savage, Young Thug, Gucci Mane, Swae Lee e altri ancora.

Le sue produzioni sono spesso minimali e ipnotiche, caratterizzate da atmosfere cupe simili a colonne sonore di film horror.

I suoi beat sono resi riconoscibili da alcune producer tag (una specie di firma sonora) messe all'inizio del brano: "Metro Boomin want some more, nigga", tratta dal brano Some More realizzato con Young Thug, e "If Young Metro don't trust I'm gon shoot you", tratta da Right Now con Future.

Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Il futuro e' delle Web Radio. Nissan sta pensando di portare lo streming in auto.

Londra - Probabilmente l'ascolto in Fm delle radio sara' un ricordo, Il futoro e'  delleWeb Radio.
Via i ripetitori e le antenne. In UK l'evoluzione e' gia' in atto, infatti 98.2% delle radio in UK sono tuttem, DAB e in web.

 In italia il processo e' piu' lento ma forse per il 2030/40 anche in Italia si potranno sentire le radio in macchima via web come gia' sta accandendo in USA e in UK.

In UK già al 16% l’ascolto in streaming sulle quattro ruote.

 Secondo uno studio fatto da Eureka  la casa automobilistica Nissan, in UK sta installando la connettività in auto per  l'ascolto di  musica e di radio sulle quattro ruote, quindi  il futuro delle radio sono le Web Radio.
Ponz Pandikuthira, vice presidente della pianificazione del prodotto per Nissan Europe, ha dichiarato: "La connettività in auto è una delle principali tecnologie di trasformazione dell'industria automobilistica e un pilastro della visione di Nissan Intelligent Mobility per il…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…