Passa ai contenuti principali

Boomdabash e Loredana Bertè i più amati dalle radio italiane nel 2018 e le classifiche

“Non ti dico no” è il singolo più ascoltato dell’anno.

La band salentina Boomdabash e Loredana Bertè conquistano la vetta della Top 100 of The Year 2018 - la classifica airplay annuale dei singoli più ascoltati in radio - con “Non ti dico no” secondo i dati rilevati da Radiomonitor: pubblicato lo scorso maggio da Universal Music, nel corso del 2018 il tormentone reggae è stato trasmesso 97.104 volte da 295 radio italiane in FM.




A grande sorpresa, il singolo ha ottenuto una buona visibilità anche all’estero, comparendo nelle playlist delle radio in diversi territori quali: Bulgaria, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Macedonia, Malta, Olanda,  Polonia, Romania, Russia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Ungheria e Stati Uniti d’America.


Il podio vede in seconda posizione Who are you” (Energy Production), singolo di debutto per il talentuoso autore, produttore e polistrumentista Mihail (87.908 passaggi su 274 emittenti), seguito da “Una grande festa” (Sony) di Luca Carboni (85.988 passaggi su 296 emittenti).

Musica italiana ed internazionale in classifica sono ad un passo dall'equivalersi: sono infatti 51 su 100 i titoli italiani.
Gli artisti italiani più presenti risultano AnnalisaCesare CremoniniJovanotti e Thegiornalisti, ognuno con tre diversi singoli.

Delle tre case discografiche major, Universal si aggiudica il primato, registrando un market share del 35,46%, seguita da Warner (22,23%) e Sony (19,84%). La bresciana Time Records risulta invece la migliore indipendente dell’anno (3,61%), seguita da Carosello (3,55%) ed Energy Production (3,33%).

L’artista emergente che quest’anno ha ottenuto il maggior numero di passaggi radiofonici (29.259) è il cantautore Ultimo con Il ballo delle incertezze (Honiro) a conferma della già conquistata vittoria al Festival di Sanremo 2018 nella categoria Nuove Proposte.

Fra gli esordienti (quelli che per la prima volta sono stati regolarmente trasmessi in radio), il brano che ha totalizzato il maggior numero di passaggi (14.014) è “Pem Pem” (Universal) dell’ormai famosa ereditiera Elettra Lamborghini.

La classifica Radio Airplay Top 100 of The Year 2018 è stata elaborata da Radiomonitor analizzando i dati rilevati dal primo gennaio all'otto dicembre 2018, ponderando il numero dei passaggi registrati da ciascun singolo e dalle relative versioni, con i dati di ascolto delle emittenti per quarto d'ora e per tipo di giorno (fonte dati audience: TER - Tavolo Editori Radio).

Radiomonitor è l’azienda britannica leader del settore che elabora le classifiche airplay adottando la stessa metodologia in tutti i territori del mondo in cui opera, al fine di garantire informazioni precise, affidabili e universalmente riconosciute dall’industria musicale internazionale. (www.radiomonitor.com).


Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…