Passa ai contenuti principali

Bohemian Rhapsody sarebbe piaciuto a Freddie? Ecco cosa dice Brian May

Londra - E' il film rivelazione sui Queen. Tanti premi e ottime referenze. L'attore Rami Malek e' stato fantastico. Ma Bohemian Rhapsody sarebbe piaciuto a Freddie?

A semtire Brian May sicuramemte si : "  Credo che lo avrebbe sentito come un giusto compromesso. Mostra tutta la sua grandezza così come tutta la sua fallibilità e insicurezza - tutto quanto. Credo che lo mostri in modo molto onesto e non adulatorio, ma apprezzando il suo talento. Perché sicuramente era una persona unica."

Bohemian Rhapsody, che non piaceva al manager della Band di allora, e' diventata la canzone piu' ascoltata di ogni tempo. Un unione di melodie ed evoluzioni musicali geniali, con un creativita' degna di un nome i Queen.

Il film mostra un Freddie Mercury  insicuro, ma una potenza sul palco. Nato per stare sul palco, nato con qualche dente in piu', che gli dava piu' cassa armonica alla bocca per emettere suoni e acuti mai sentiti prima. Una personalita' eclettica e sopra le righe.
Una di quelle persone che se ne incontrano veramente poche nella vita perche' veramente rare.



Brian May continua la sua conferssione sul film e in un'intervista a Louder Soundspiega che terminare il film con il trionfante concerto dei Queen al Live Aid nel 1985 era sin dall'inizio l'idea originaria. "Credo che ci sia un culmine naturale in quell'evento - spiega il chitarrista - Abbiamo sempre creduto che fosse il picco, nonostante ciò che alcune persone hanno dichiarato alla stampa, nonostante non sapessero niente". 

Alla fine il film e' piaciuto e amche tanto, i miti come Freddie Mercury non muoino mai rivivono nella loro arte come nei film. E' giusto cosi'.



Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Tobias Gremmler materializza la musica...

Londra - La musica, si può materializzare? A quanto pare si!; usando 12 telecamere e servendosi della
visualizzazione dei dati. Questo progetto, ideato dall’artista Tobias Gremmler ha animato i
colpi di bacchetta di Sir Simon Rattle a 120 fotogrammi al secondo.

Utilizzando il “motion capture” per tracciare i movimenti del direttore d'orchestra della
London Symphony Orchestra, Sir Simon Rattle, Gremmler ha creato questo video ipnotico.
Mentre le braccia di Rattle si alzano e il suo corpo ondeggia, ogni movimento viene tracciato e
animato, creando ampi schemi di luce.

Il progetto richiede l’uso di molta tecnologia. Per creare questo effetto, i direttori creativi del progetto hanno utilizzato 12 telecamere, che hanno catturato i movimenti di Rattle a 120
fotogrammi al secondo.

Usando questi dati, Gremmler ha creato una serie di film animazione.

Le immagini risultanti? Esplosioni di luce, suoni e vortici che materializzano la musica. Come
spiega Gremmler.

 Quando la musica divent…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…