Passa ai contenuti principali

Anastasio è riuscito a crepare gli affreschi della Sistina



Anastasio ha 21 anni, viene dalla provincia di Napoli.
Si appassiona al rap da solo, scoprendo di avere un talento inaudito per la scrittura.
Fedez lo ha definito la penna migliore mai sentita a X Factor e Mara Maionchi lo ha voluto ai Live Show per le sue capacità cantautorali.
Il suo talento consiste nel trasmettere immagini attraverso le parole.

Era arruolato nella squadra Under Uomini di Mara Maionchi.
Marco Anastasio si è presentato alle Audizioni di X Factor 12 vestito come un ragazzo qualunque: una t-shirt, jeans scuri. La faccia pulita e ordinaria, da studente universitario. Eppure, in barba a quell’apparenza semplice, ha tirato fuori un talento che pochi, specie nella cornice di un programma televisivo, possono dire di avere.
Lui scrive, e scrive benissimo. Forse troppo per i suoi ventuno anni.


Poi, ai Bootcamp ha portato una versione riadattata di Generale, di Francesco De Gregori. Che, però, dell'originale aveva solo l’imprinting. Il brano rap, essendo Anastasio un rapper, ha raccontato una guerra nuova, moderna ma anche un dolore vecchio, identico a quello che ha influenzato nel 1978 la musica di De Gregori.

Il passaggio agli Home Visit, e di lì ai Live, per lui, è stato pressoché immediato.

Pubblico e bookmakers lo davano sin da subito per favorito, e tutto è andato secondo previsoni.
Il rapper Anastasio vince la dodicesima edizione di X Factor, con l’inedito La Fine del Mondo, definito da tutti i giudici: «l’inedito di questa edizione di X Factor».
Una vittoria super annunciata, visto che, proprio lui, sin dalle Auditions, era stata una delle rivelazioni del talent show di Sky Uno anno 2018.

Il suo singolo La Fine del Mondo, vanta un testo pieno di significato, e soprattutto, pienissimo di potenza.


Qui di seguito: la sua audizione con La Fine del Mondo

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Corsi radiofonici - Diventa conduttore o Dj radiofonico ecco come

Londra - Ti piace il mondo delle radio? Vorresti diventare un conduttore radiofonico?
Imparare la dizione? Ecco che la radio italiana di Londra LondonONEradio 24 ore, ti può aiutare con i suoi corsi radiofonici.

Una squadra di professionisti, con video corsi ( per chi è in Italia) o per chi è a Londra direttamente negli studi di LondonONEradio, vi faranno entrare nel magico mondo della radio.

I corsi sono mirati a far imparare le nozioni basi della radio, e di dizione. Dizione non solo per avere una buon pronuncia in radio ma anche nella vita, per presentare meglio voi stessi nel mondo del lavoro.

Infondo come si dice : non si a mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione.
I corsi radiofonici di LondonONEradio sono unici nel suo genere, si basano sulla esperienza di esperti e di persone che da anni fanno radio. I corsi radiofonici si dividono in 4 sezioni

Corso  L'ABC della conduzione Corso Giornalismo radiofonico ( differenze tra UK e IT)���������������������…

Il futuro e' delle Web Radio. Nissan sta pensando di portare lo streming in auto.

Londra - Probabilmente l'ascolto in Fm delle radio sara' un ricordo, Il futoro e'  delleWeb Radio.
Via i ripetitori e le antenne. In UK l'evoluzione e' gia' in atto, infatti 98.2% delle radio in UK sono tuttem, DAB e in web.

 In italia il processo e' piu' lento ma forse per il 2030/40 anche in Italia si potranno sentire le radio in macchima via web come gia' sta accandendo in USA e in UK.

In UK già al 16% l’ascolto in streaming sulle quattro ruote.

 Secondo uno studio fatto da Eureka  la casa automobilistica Nissan, in UK sta installando la connettività in auto per  l'ascolto di  musica e di radio sulle quattro ruote, quindi  il futuro delle radio sono le Web Radio.
Ponz Pandikuthira, vice presidente della pianificazione del prodotto per Nissan Europe, ha dichiarato: "La connettività in auto è una delle principali tecnologie di trasformazione dell'industria automobilistica e un pilastro della visione di Nissan Intelligent Mobility per il…

Beatles sul tetto Il 30 gennaio 1969 : Il concerto che cambio' la storia dei live

Londra - Esiste ancora, il palazzo, dell' Apple ( non quella di s. Jobs) Records in 3 Savile Row, Londra W1, strada famosa per i suoi sarti, dove i Beatles suonaro sul tetto a sorpresa. Era il 30 Gennaio 1969, con l'aggiunta del tastierista Billy Preston.

Le strade vicine si bloccarono, tutti con il naso verso il cielo a vedere e sentire i Fab Four, in una modo mai visto prima. Fu la loro ultima esibizione. Quel concerto durato quaranta minuti passo alla storia come "The Beatles’ Rooftop Concert" John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono.

Paul McCartneycadde in una forte depressione. Ma ritorniamo al concerto sul tetto.
I Beatles avevano suonato su di un tetto, e subito, quel modo di fare musica divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi. Il 4 aprile 1970, la ba…